Il contributo di bonifica

 
Ai sensi dell’art. 860 c.c. e del R.D. 13/02/1933 n. 215, i proprietari degli immobili (agricoli o extra-agricoli), ricadenti all’interno del perimetro di contribuenza e che ricevono benefici dall’esecuzione, dalla manutenzione, dall’esercizio delle opere e delle attività del Consorzio, sono tenuti obbligatoriamente a contribuire alle relative spese nel rispetto dei criteri tecnici ed economici stabiliti dal Piano di Classifica definitivamente approvato dalla Regione Veneto con delibera di Giunta nr. 44 del 21/01/2013, pubblicata nel BUR n. 14 del 05/02/2013 e scaricabile dal sito del Consorzio www.consorziobacchiglione.it.
 
Il contributo di bonifica è un tributo annuale (artt. 109, 111 del R.D. 368 del 08/05/1904) e non può essere frazionato; qualsiasi variazione di proprietà e/o censimento intervenuta durante l’anno in corso avrà effetto a partire dall’anno seguente (Allegato F art. 2 punto 6 della DGR n. 101 del 2010).
La lista degli iscritti a ruolo, per l’anno di contribuenza 2016, è formata dai proprietari che risultano tali alla data del 31.12.2015.
Si ricorda che l’avviso di pagamento, per sua natura, non prevede la notifica e pertanto il Consorzio non è in grado di accertarne l’effettivo recapito.
Il Consorzio è tenuto ad iscrivere a ruolo coattivo le posizioni contributive non regolarizzate mediante il pagamento dell’avviso bonario (art.21 del R.D. n. 215/1933 e artt. 864, 2775, 2780 c.c.). In tal caso, il Concessionario della Riscossione (ora Equitalia S.p.A.) applicherà al contributo una maggiorazione, pari attualmente a € 5,88, quale compenso per l’attività di notificazione.
- Torna a Inizio Pagina -